L’hedging applicato al trading online per la gestione del rischio

75% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore

La prevenzione del rischio è un aspetto molto dedicato nel trading online. In ogni articolo dedicato a questo argomento, leggiamo che il modo più efficace per evitare delle perdite che potrebbero danneggiare in misura importante il capitale a disposizione è lo Stop Loss. Tuttavia, utilizzare lo Stop Loss significa accettare la perdita, senza la possibilità di tentare di evitarla.

Ecco perché in questo articolo, invece, ci dedicheremo all’approfondimento dell’argomento hedging: che cos’è, come si usa questa tecnica e quali sono gli errori comuni da evitare. A differenza dello stop loss, infatti, questa tecnica richiede un minimo di esperienza in più, altrimenti può rivelarsi un boomerang.

L’Hedging: conosciamo meglio il suo significato

Partiamo dal significato della parola hedging: traducendo dall’inglese otteniamo la parola “copertura“. Una copertura dal rischio, un’assicurazione: chiamatelo come volete, penso di aver chiarito il concetto di base. La strategia dell’hedging si usa dunque aprendo una posizione, spesso di segno opposto a quella che si vuole coprire, per limitare drasticamente o azzerare il rischio. È una strategia che avrebbe più senso nel trading di lungo termine, ma che con una certa dimestichezza può essere applicata anche nel breve termine, soprattutto per congelare una perdita momentanea. Facciamo un esempio:

Supponiamo di avere investito 100 euro sulle azioni Ubi Banca e la mia posizione sia in sofferenza: per limitare e congelare la perdita decido di entrare con una posizione uguale e contraria sul titolo Unicredit, un bancario italiano correlato e più volatile rispetto al suo analogo Ubi Banca. In questo modo, potrò gestire le due posizioni congelando la perdita precedente e cercando di portarmi ad un punto di pareggio il più presto possibile. Poi gestirò il trade chiudendo una delle due posizioni cercando di trarne profitto. Se la posizione dovesse poi tornare ad essere contraria, potrei iterare l’hedge.

L’hedging è un’opportunità se si comprende quando e come va usato

Questa strategia è riservata in modo particolare agli investitori di medio-lungo termine, tuttavia si può applicare, previa una certa esperienza anche nell’intraday.

Il momento più opportuno per applicare la strategia di hedging nel trading online è quando si manifesta una divergenza tra la tendenza di lungo periodo e quella di breve periodo: se sono azionista di Enel di lungo periodo e assistiamo ad una giornata o una settimana di forti vendite sul mercato italiano, mantengo la mia posizione in profitto su Enel ed entro in vendita sull’indice FTSE MIB: questo dimostra come l’hedging può essere usato, non solo per congelare una perdita, ma anche per proteggere un guadagno.

L’hedging va usato coerentemente al time-frame di riferimento che si osserva durante la propria attività. Non ha senso se si è investitori dall’orizzonte mensile, osservare quello che accade in una candela di 5 minuti.

Broker Deposito minimo Vantaggi
2 250 $
  • Oltre 900.000 clienti si fidano Alvexo
  • Formazione su misura
  • Servizio clienti attento e disponibile
  • Analisi dettagliate ogni giorno
investi ora!
2 250 $
  • Segnali live vincenti
  • Didattica di qualità
  • Eletto Miglior Broker Da AtoBasilicata
  • WEBINAR GIORNALIERI
investi ora!
1 250 $
  • COMMERCIO SOCIALE
investi ora!

Il motivo per cui va utilizzato l’hedging

Questa strategia può causare qualche obiezione da parte di coloro i quali hanno imparato a usare lo Stop Loss per proteggersi dalle posizioni in perdita ed evitare danni irreparabili al proprio conto.
Il motivo, invece, per cui si utilizza è congelare una perdita momentanea per tentare di trasformarla in un guadagno comprando tempo sul mercato.

Spesso si assiste al fenomeno della caccia agli stop, per cui una posizione aperta imprudentemente e chiusa in stop, sarebbe poi diventata vincente col passare del tempo: poiché il mercato è aperto tutti i giorni, l’hedging serve appunto a minimizzare la perdita, cercando di rientrare lavorando con una posizione di segno opposto.

Un’altra obiezione, sicuramente anche sensata, è che con questa strategia si guadagna poco: vero, ma la prima regola del trading è non perdere per cui, se utilizzata con criterio, è un’ottima strategia.
Se io che utilizzo questo approccio vengo considerato un trader “prudente“, questa definizione mi va a genio perché la prudenza non ha mai bruciato tanti conti quanti ne ha bruciati chi fa trading come se stesse al casinò.

Quante strategie di hedging ci sono?

Ci sono tantissime strategie di hedging, ma molte di esse richiedono un’abilità superiore. Per semplicità, ci limitiamo a descrivere quelle più comuni e importanti:

  1. L’hedging diretto: Si applica aprendo contemporaneamente due posizioni opposte dello stesso strumento finanziario: ad esempio, se siete Long sull’indice Dax, potete contemporaneamente aprire anche una posizione short. In questo modo, l’operazione resta a mercato e si possono sfruttare le suddette divergenze. Quando si conclude l’effetto negativo temporaneo sulla posizione aperta, l’hedging si chiude e si mantiene la posizione vincente..
  2. Hedging a coppie: Anche qui si aprono due posizioni, ma questa volta non di due strumenti finanziari uguali, ma che siano correlati tra di loro. Con questo approccio si ottiene una protezione immediata dal rischio in quanto una copre l’altra. È una strategia che viene utilizzata prevalentemente sulle azioni, ma che può essere utilizzata anche per le coppie di valute, per gli indici o le materie prime (purché sussista una correlazione).
  3. Hedging con i beni rifugio: Si apre una posizione di copertura che consenta di coprirsi con quelli che sono gli asset di rifugio per eccellenza. Il più classico dei beni rifugio, come sapete, è l’oro per cui è l’asset finanziario più utilizzato per conservare il guadagno sino a lì generato, andando anche a speculare su eventuali periodi di rallentamento o crisi finanziaria.

Pro e contro dell’uso della strategia di hedging nel trading online

Questa strategia, come abbiamo già detto, può produrre vantaggi notevoli ma può rivelarsi pericolosa se non utilizzata nel modo appropriato e, in ogni caso, può rivelarsi perdente in casi particolari perché, come tutte le strategie, non può essere perfetta. Andiamo a riassumere dunque pro e contro:

Broker Deposito minimo Vantaggi
2 250 $
  • Oltre 900.000 clienti si fidano Alvexo
  • Formazione su misura
  • Servizio clienti attento e disponibile
  • Analisi dettagliate ogni giorno
investi ora!
2 250 $
  • Segnali live vincenti
  • Didattica di qualità
  • Eletto Miglior Broker Da AtoBasilicata
  • WEBINAR GIORNALIERI
investi ora!
1 250 $
  • COMMERCIO SOCIALE
investi ora!

Pro:

  • L’hedging è quella strategia che riduce in maniera netta l‘esposizione a mercato fino ad annullarla nel caso già citato di hedging diretto (qui un consiglio: piuttosto che utilizzare, come nell’esempio precedente, 1 DAX long da 5 euro a punto e 1 DAX short dello stesso importo, utilizzate 2 tipi di CFD diversi: 1 DAX da 5 euro a punto e 5 DAX da 1 euro a punto. Così facendo, potete gestire meglio le posizioni andando ad incrementare o diminuire il numero di contratti a seconda di come evolve la situazione generale.)
  • Applicando la strategia descritta nel punto precedente, si ottiene una riduzione drastica anche del rischio di perdita: un fattore fondamentale soprattutto quando si è principianti e la paura di perdere produce dello stress che non fa bene dal punto di vista psicologico
  • Le strategie di hedging online sono applicabili con la maggior parte dei broker online

Contro:

  • Alcuni broker online non permettono l’hedging diretto sullo stesso strumento finanziario: la posizione risultante di due posizioni uguali e contrarie è uguale a zero per cui va a chiudere automaticamente la posizione. Per evitare questa situazione, si possono utilizzare due scadenze diverse dello stesso strumento.
  • Quando il mercato entra in una fase laterale, ossia non prende una direzione definita, la strategia dell’hedging può essere perdente su entrambe le posizioni e in più bisognerà pagare le spese di finanziamento per le posizioni, se mantenute overnight
  • Con questa strategia, si tende a guadagnare meno rispetto ad altre soprattutto se poi si osserverà che la copertura sarà risultata inefficace, in quanto il mercato avrebbe poi preso la direzione primaria e avreste guadagnato di più senza l’utilizzo dell’hedging.
Recensione utenti: 43